Navigation

Re di Giordania ribadisce il suo rifiuto a Piano Pace Trump

Re Abdallah II di Giordania, a destra, assieme all'ex presidente francese François Hollande (Foto d'archivio). KEYSTONE/EPA/IAN LANGSDON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 gennaio 2020 - 10:11
(Keystone-ATS)

Il re di Giordania, Abdallah II, ha riaffermato la sua opposizione al Piano di pace di Trump sul conflitto tra israeliani e palestinesi.

"La nostra posizione sul Piano - ha detto in una conferenza stampa ad Aqaba nel sud del Paese, citato dai media - è chiarissima: ci opponiamo ad esso".

Il regno hashemita e l'Egitto sono i due soli Paesi arabi ad avere un trattato di pace con Israele ma di recente i rapporti con la Giordania non sono più gli stessi specie da quando il premier Benyamin Netanyahu ha annunciato l'intenzione di annettere la Valle del Giordano, una vasta area, in parte palestinese, che corre lungo il confine tra i due Stati.

Oggi a Washington Trump riceverà, separatamente, Netanyahu e il leader centrista di Blu-Bianco Benny Gantz. Domani ci dovrebbe essere la presentazione ufficiale di quello che il presidente Usa ha definito "l'Accordo del secolo".

I palestinesi hanno già annunciato il loro netto rifiuto e hanno minacciato l'uscita dagli Accordi di Oslo. Domani inoltre in tutti i Territori è prevista una Giornata di Rabbia contro il Piano stesso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.