Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

RECKINGEN VS - Due persone sono decedute e altre 31 sono rimaste ferite in un incidente stradale che stamane verso le 10.00 ha visto un pullman tedesco carico di turisti canadesi uscire di strada nei pressi di Reckingen, nella Valle di Goms, in Alto Vallese. Quattro dei feriti versano in gravi condizioni, 15 hanno lesioni medio-gravi, gli altri 12 invece sono invee solo feriti leggermente, ha indicato la polizia cantonale vallesana.
Sull'automezzo - che aveva a bordo l'autista 73enne e una guida turistica svizzera, entrambi illesi, e 48 passeggeri originari della regione dell'Ontario, tutti adulti - era partito da Zermatt diretto verso l'Austria attraverso i passi della Furka e dell'Oberalp. Una volta uscito dal villaggio di Reckingen, in direzione di Münster, il pullman ha deviato dalla giusta traiettoria, ha urtato un terrapieno sul lato della strada ed è uscito di carreggiata, finendo ribaltato sul fianco in un prato a circa tre metri dalla strada.
Nel punto in questione la strada è rettilinea, il fondo stradale era asciutto e le condizioni di circolazioni normali. Anche il modello di pullman appare molto recente. L'autista - sottoposto a un test dell'alcol, rivelatosi negativo (zero per mille) - è già stato interrogato dalla polizia.
Sebbene le cause dell'accaduto incidente non siano ancora note vi è almeno un'ipotesi: stando a talune dichiarazioni al momento dell'incidente un motoclista vestito di scuro stava sorpassando il pullman: il suo comportamento ha forse costretto il conducente del bus a un brusco spostamento verso destra. La polizia ha invitato in serata eventuali testimoni a contattare gli inquirenti. Il giudice istruttore dell'Alto Vallese ha aperto un'inchiesta.
Sul posto sono intervenuti tutti i mezzi disponibili nella regione: polizia, pompieri, dodici ambulanze e sei elicotteri. Un'infrastruttura medica è stata organizzata a Reckingen per prendersi cura al meglio dei feriti, poi ricoverati a Briga, Visp, Sierre, Sion, Martigny e Monthey. Al loro capezzale si è già portata una rappresentante dell'ambasciata canadese. Ai turisti illesi è offerto un sostegno psicologico: passeranno la notte in alberghi della regione.
I due morti sono già stati identificati, ma la polizia non ha voluto ancora fornire dettagli sulla loro identità. La polizia cantonale ha istituito un numero di telefono speciale (0848 112 117, dall'estero +41 848 112 117) per i famigliari delle persone a bordo dell'automezzo.

SDA-ATS