Navigation

Redditi: disparità in aumento in regione lemanica, Ticino e Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 maggio 2011 - 18:17
(Keystone-ATS)

Le disparità dei redditi sono aumentate dal 2000 in Svizzera, particolarmente nella regione lemanica, in Ticino e nella regione di Zurigo. Lo costata l'Istituto di alti studi in amministrazione pubblica (IDHEAP) di Losanna, sulla base della banca dati dei cantoni e delle città svizzere (BADAC).

Il confronto è stato svolto tramite l'indice di Gini, che misura le disparità sulla base del reddito disponibile: un indice superiore a 0,4 è considerato problematico dal profilo dell'equilibrio sociale. Fra le grandi città, Ginevra è la località che presenta l'indice più elevato (0,44), mentre Berna à la città la più egualitaria, con un indice stabile al 0,33.

Oltre Ginevra, altre 26 località superano la soglia problematica: Zollikon (0,55), Zugo (0,54), Lugano e Pully (0,46), Montreux (0,43) e Nyon (0,42), mentre Zurigo la sfiora a 0,39. Le città a nord-ovest - quali Basilea, Aarau e Baden - si collocano a un livello inferiore.

La banca dati contiene informazioni dettagliate sull'onere fiscale, l'importanza dell'amministrazione pubblica e il tasso di alloggi vacanti. In quest'ultimo campo la penuria più forte è stata misurata a Morges, con un tasso dello 0,06%, mentre il più elevato è stato rilevato a Rheinfelden (AG), con il 6%.

Lo studio dell'IDHEAP ha preso in conto le 135 località svizzere con più di 10'000 abitanti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.