Navigation

Remunerazioni abusive: Blocher sollecita partiti di centro

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 febbraio 2010 - 10:51
(Keystone-ATS)

BERNA - L'ex consigliere federale e attuale vicepresidente dell'UDC, Christoph Blocher, in un'intervista alla "Neue Zürcher Zeitung" chiede che i partiti di centro si alleino con il suo nella revisione del diritto delle società anonime. Il controprogetto all'iniziativa contro le remunerazioni abusive, appoggiato da PLR e PPD, a giudizio di Blocher non ha più alcun senso.
L'UDC intende intavolare quanto prima una discussione con tutti i partiti governativi, annuncia Blocher. In settimana l'UDC si è schierata a fianco di Thomas Minder, il padre dell'iniziativa contro le remunerazioni abusive. L'imprenditore sciaffusano si è detto pronto a ritirare il proprio testo se il Parlamento adotterà una revisione del diritto delle società anonime elaborato dall'UDC. Liberali e popolari democratici chiedono invece un controprogetto diretto.
L'ex ministro della giustizia contesta di aver elaborato un progetto inadeguato in questa materia e controbatte: "su pressione padronale, il Consiglio degli Stati ha diluito il testo del Consiglio federale", mentre quello dell'UDC ne riprende la formulazione iniziale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.