Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Via dal 2016 la tassa sulla prima casa tanto odiata dagli italiani. Nel 2017 l'imposta sul reddito delle società (Ires) e l'imposta regionale sulle attività produttive (Irap). Nel 2018 le pensioni. È un piano da 45 miliardi di euro la carta del rilancio di Renzi.

Tra i padiglioni di Expo i "musi lunghi" della minoranza sono venuti a mostrargli le falle del Partito democratico (Pd), il calo di consensi delle regionali e rimproverargli una deviazione a destra. Ma il premier italiano Matteo Renzi li scavalca e parla all'Italia. Con promesse 'pesanti': trasformare "l'inversione di rotta" in "salto di qualità" sulle riforme e l'esperimento degli 80 euro in "una rivoluzione copernicana del fisco" che faccia volare non solo l'economia ma anche il consenso del Pd, "mai più partito delle tasse".

"Kairos: cogliere il momento propizio che abbiamo davanti". Lo dice in greco, il segretario-premier. È questo lo spirito che pervade il discorso di un'ora e venti con cui apre l'assemblea del Partito democratico. Alle spalle ci sono le "preoccupazioni" del passato e il successo di aver "sbloccato dalla palude le riforme" riportando l'Italia a essere "colonna" dell'Europa.

Il taglio delle tasse è considerata una priorità politica. Perché "abbiamo fame di crescita, benessere, lavoro". E nel 2016, con la legge di stabilità del prossimo autunno, si partirà dall'abolizione dell'imposta municipale unica (Imu) sulla prima casa, perché "l'80% degli italiani ha la casa di proprietà e se sbloccata può far ripartire la fiducia". Il governo lo farà, rispettando i parametri di Maastricht, a partire dal vincolo del 3% e continuando a ridurre il debito, per non gravare sulle prossime generazioni.

Il risultato sarà, spiega, una "sforbiciata" alle tasse "senza paragoni" che i suoi stimano di 5 miliardi nel 2016, 20 nel 2017 e 20 nel 2018. Cifre che si aggiungono ai 20 mld "non spesi" di investimenti per infrastrutture che Renzi si impegna a spendere entro il 2016.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS