Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nei Grigioni, le concessioni per la centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio al Lago Bianco (tra la Val Poschiavo e quella del Bernina) sono passate in giudicato. Nessuna opposizione è stata infatti inoltrata contro queste autorizzazioni, approvate dal Cantone lo scorso 25 marzo. Lo comunica l'azienda elettrica Repower che però non fornisce una data di apertura dei cantieri, né una di entrata in funzione della centrale.

Attualmente non si può quindi sapere quando inizieranno i lavori. Nel comunicato odierno, Repower afferma in modo vago che la centrale sarà realizzata "non appena le condizioni quadro lo permetteranno e quando sul mercato vi sarà l'esigenza di questo impianto nell'interesse della svolta energetica e della relativa strategia della Confederazione".

In aprile, annunciando l'approvazione delle concessioni da parte del Governo, l'azienda diceva che bisognava "mettere in conto un ritardo di diversi anni nella realizzazione del progetto". L'ultima volta che Repower aveva menzionato una data era lo scorso novembre, quando aveva annunciato il rinvio dei lavori, che avrebbero dovuto iniziare l'anno scorso e durare almeno cinque anni per concludersi non prima del 2019.

Oggi la società elettrica ha comunque annunciato di avere l'intenzione di inoltrare entro fine anno alle autorità una richiesta di approvazione del progetto. Nei prossimi mesi verrà anche concluso il secondo esame di impatto ambientale.

Nell'attesa di decidere quando iniziare i lavori al Lago Bianco, Repower ha deciso di anticipare il rinnovo delle centrali esistenti in Val Poschiavo. Quella di Robbia, costruita nel 1910, verrà ad esempio completamente ristrutturata.

Il cuore del progetto Lagobianco è costituito dalla costruzione di una centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio tra il Lago di Poschiavo e quello Bianco. La centrale - che potrà produrre fino a 1,5 terawattora (TWh) di elettricità all'anno - servirà soprattutto quale strumento di regolazione, sfruttando la produzione irregolare da fonte eolica e fotovoltaica per rendere disponibile l'energia nei periodi in cui è maggiore la domanda.

SDA-ATS