Navigation

Repsol: parlamento Strasburgo reagisce, Ue ricorra a Wto, G20

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 aprile 2012 - 12:59
(Keystone-ATS)

L'Unione europea deve reagire per proteggere gli investimenti in Argentina, ricorrendo al Wto, al G20, ai canali diplomatici ma anche con la sospensione delle agevolazioni sui dazi doganali concessi dall'Europa.

La plenaria del Parlamento europeo ha approvato a larghissima maggioranza (458 sì, 71 no, 16 astenuti) una risoluzione comune, proposta dai quattro maggiori gruppi politici (Ppe, S&D, Alde e Ecr) sul caso della nazionalizzazione della Ypf, la compagnia petrolifera controllata dalla spagnola Repsol.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?