Navigation

Riad ferma produzione in raffinerie colpite da attacco houthi

Riad ha fermato temporaneamente la produzione nelle due raffinerie saudite della Aramco oggetto di attacchi con droni rivendicati dai ribelli yemeniti, interrompendo circa metà della produzione totale della società. KEYSTONE/EPA/ALI HAIDER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 settembre 2019 - 08:44
(Keystone-ATS)

Riad ha fermato temporaneamente la produzione nelle due raffinerie saudite della Aramco oggetto di attacchi con droni rivendicati dai ribelli yemeniti, interrompendo circa metà della produzione totale della società.

Lo ha reso noto il ministero dell'energia saudita. La decisione, ha aggiunto, porterà allo stop di circa 5,7 milioni di barili al giorno, pari al 50% della produzione complessiva.

Dopo che Riad ha fermato la produzione nei due maxi impianti, il dipartimento americano dell'energia ha reso noto che gli Stati Uniti sono "pronti a impiegare risorse delle riserve petrolifere strategiche (630 milioni di barili, ndr), se necessario, per compensare qualsiasi interruzione dei mercati petroliferi".

Il segretario all'energia Rick Perry ha anche dato disposizione di lavorare con la International Energy Agency su potenziali opzioni per una risposta globale collettiva se necessario.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.