Navigation

Ricchezza aumentata fortemente nel 2019, per chi già ricco era

Oro, sì, ma anche azioni, obbligazioni e quant'altro. KEYSTONE/DPA/ARMIN WEIGEL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 settembre 2020 - 15:01
(Keystone-ATS)

Sulla scia del buon andamento delle borse la ricchezza individuale è aumentata fortemente nel 2019, perlomeno per la piccola minoranza di abitanti del pianeta che sta bene.

In questa categoria primeggiano gli svizzeri, che hanno i maggiori attivi, ma che sono anche ultra-indebitati, secondo uno studio periodico pubblicato oggi dall'assicuratore tedesco Allianz.

Stando all'undicesima edizione del Global Wealth Report, che si basa sull'analisi dei dati di 57 nazioni in rappresentanza del 72% della popolazione e del 92% del Pil globale, il patrimonio lordo delle economie domestiche private si è attestato l'anno scorso al valore record di 192'000 miliardi di euro. Rispetto a 2018 la crescita è stata del 10%, la più forte dal 2005.

Continua comunque a valere la legge dei polli di Trilussa: concretamente il 10% più ricco - 52 milioni di persone nelle nazioni prese in considerazioni, con averi netti medi di 240'000 euro - controlla l'84% della ricchezza planetaria. L'1% (1,2 milioni in media) mette le mani sul 44%.

In questo campo lo sviluppo dal volgere del millennio viene definito "impressionante" dagli autori dello studio. Infatti mentre la quota del decile più ricco è diminuita di sette punti percentuali, quella del percentile più ricco è aumentata di tre punti. I super-ricchi sembrano quindi davvero allontanarsi sempre più dal resto della società, commentano i ricercatori.

Anche il divario di prosperità tra paesi ricchi e quelli poveri si è nuovamente ampliato. Nel 2000, il patrimonio finanziario netto pro capite era in media 87 volte superiore nei paesi industrializzati rispetto alle nazioni emergenti, nel 2016 il rapporto era sceso a 19, ma da allora è risalito a 22 (2019). Questa inversione di tendenza è molto diffusa: per la prima volta il numero dei componenti della classe media è sceso significativamente: da poco più di 1 miliardo di persone nel 2018 a poco meno di 800 milioni di persone nel 2019. Questo trend negativo potrebbe essere ulteriormente aggravato da Covid-19, sostengono gli specialisti di Allianz.

La Svizzera è il paese più facoltoso in termini di ricchezza lorda pro capite, ma essendo lo stato con gli abitanti più indebitati al mondo (99'000 euro a testa, cioè più che tedeschi, francesi, italiani e francesi messi insieme) arriva solo secondo (con 195'388 euro) nella classifica dei patrimoni netti, superato dagli Stati Uniti (209'524). Assai più staccato è Singapore (116'657). La Francia è 15esima, l'Italia è 17esima, la Germania 18esima. Fanalino di coda - fra i paesi presi in considerazione - è il Kazakistan (482 euro).

Secondo gli economisti di Allianz la crisi della coronavirus non dovrebbe rallentare la crescita degli attivi. Gli interventi di aiuto degli stati e delle banche centrali hanno infatti protetto i beni dei benestanti dalle conseguenze di un mondo in disordine. È quindi molto probabile che gli attivi finanziari privati chiuderanno l'anno della pandemia con un incremento.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.