Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Affari natalizi in crescita per Richemont: nel terzo trimestre dell'esercizio 2012/13, chiuso a fine dicembre, il gruppo ha incrementato il fatturato del 9% rispetto allo stesso periodo contabile precedente, a 2,86 miliardi di euro (3,56 miliardi di franchi). A tassi di cambio costanti, la progressione è del 5%, indica un comunicato. Tutte le regioni hanno contribuito al buon risultato.

Gli analisti interrogati dalla Reuters avevano pronosticato in media una progressione delle vendite del 10% in euro e del 7,6% a cambi costanti.

Il tasso di espansione è in rallentamento rispetto al medesimo trimestre del 2011, quando si era attestato al 24%. Nei primi nove mesi dell'esercizio corrente, il giro d'affari ha registrato una progressione del 17% a 7,97 miliardi di euro. In valute locali risulta un +9%. Il gruppo ginevrino non ha fornito indicazioni circa le prospettive.

Richemont controlla parecchi marchi orologieri di lusso, fra cui Vacheron Constantin, Jaeger-LeCoultre, Piaget e Baume&Mercier nonché la società specializzata anche in gioielleria Cartier. Quest'ultima tra settembre e dicembre ha segnato vendite in crescita dell'8% (+4% in valute locali) a 1,45 miliardi di euro. Gli orologi hanno dal canto loro generato ricavi di 784 milioni di euro, pari a +13% (+9% in valute locali).

Gli strumenti di scrittura Montblanc hanno registrato vendite per 227 milioni di euro (+3%; invariato in valute locali). Le altre attività hanno apportato 374 milioni (+10% risp. +6%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS