Navigation

Rieter: ordini in forte calo nei primi nove mesi

Nei primi nove mesi le commesse ottenute da Rieter sono scese di quasi un terzo rispetto all'analogo periodo dell'anno scorso. Keystone/DOMINIC STEINMANN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2019 - 11:37
(Keystone-ATS)

Il costruttore di macchine tessili Rieter ha registrato nei primi nove mesi dell'anno un forte calo degli ordini: l'azienda ha ricevuto commesse per 524,5 milioni di franchi, il 30% in meno del corrispondente periodo del 2018.

Questi dati non includono un ordine importante proveniente dall'Egitto, che Rieter ha recentemente ottenuto: la maggior parte di questa commessa (165 milioni) sarà contabilizzata nel quarto trimestre, si legge in un comunicato diramato oggi. Nel solo periodo luglio-settembre i nuovi ordinativi sono scesi del 38,6% a 146,2 milioni di franchi.

Gli analisti contattati dall'agenzia AWP si aspettavano una contrazione, ma non di simili proporzioni: in media prospettavano ordinativi in entrata pari a 593 milioni su nove mesi e a 215 milioni per il solo terzo trimestre.

Tra gennaio e settembre a soffrire è stata prima di tutto la domanda di macchine (-41%), ma anche quella di componenti è scesa del 16% e le commesse nel settore della dopo-vendita sono diminuite del 14%.

All'origine della difficile situazione di mercato, scrive Rieter, vi sono le sovraccapacità nelle filande, il conflitto commerciale tra USA e Cina così come le incertezze politiche ed economiche in altre regioni importanti. Il gruppo sottolinea tuttavia che la sua quota di mercato rimane attorno al 30%.

Per l'intero anno, l'azienda ha sostanzialmente confermato gli obiettivi. Continua ad aspettarsi un "calo significativo" del fatturato e dei risultati da attività correnti; EBIT e utile netto dovrebbero tuttavia situarsi "molto chiaramente" sopra i livelli dell'anno scorso grazie a un effetto straordinario, ossia la cessione conclusa a settembre di un sito industriale in disuso a Ingolstadt (D) che dovrebbe fruttare 60 milioni di franchi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.