Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Rieter ha annunciato oggi la soppressione di 150 degli 855 posti di lavoro del suo sito principale di Winterthur. Verranno cancellati anche 59 impieghi temporanei.

Il fabbricante zurighese di macchine e componenti per l'industria tessile intende ridurre i costi di 15-20 milioni di franchi a partire dal 2017.

La ristrutturazione è da ricondurre alla rivalutazione del franco, che ha modificato le condizioni di mercato. A Winterthur la società si concentrerà sull'assemblaggio di macchinari e cesserà le attività di lavorazione, che saranno trasferite ad altri siti di Rieter e a subappaltatori. La riorganizzazione, che prenderà avvio l'anno prossimo, comporterà costi inferiori ai 10 milioni di franchi.

Rieter indica in un comunicato che l'industria del tessile in questi ultimi anni si è focalizzata sempre più sull'Asia: la società ha fatto consistenti investimenti in India e Cina, dove sono state rafforzate le capacità produttive. A Winterthur la produzione sarà concentrata in un unico stabilimento.

Nel primo semestre Rieter ha registrato nuovi ordini per 388,3 milioni di franchi, in calo del 41% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Già in marzo la società aveva annunciato l'intenzione di razionalizzare il sito di Winterthur e di ridurre gli acquisti in franchi.

La ristrutturazione verrà attuata con prepensionamenti e sfruttando la normale fluttuazione del personale, ma comporterà comunque un numero ancora imprecisato di licenziamenti. Per gli interessati è stato predisposto un piano sociale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS