Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Valentin Vogt, presidente dell'Unione svizzera degli imprenditori (foto d'archivio).

KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT

(sda-ats)

L'Unione svizzera degli imprenditori (USI) fa sua la proposta del Consiglio federale di riformare separatamente l'AVS e il "secondo pilastro".

Per l'organizzazione padronale un aumento dell'età di pensionamento oltre i 65 anni potrebbe rendersi necessario dalla metà degli anni 2020.

"Bisogna dare la priorità alla stabilizzazione finanziaria dell'AVS e alla riduzione dell'ingiusta ripartizione di oneri e prestazioni fra giovani e anziani nella previdenza professionale (LPP)", ha dichiarato oggi a Zurigo il presidente dell'USI Valentin Vogt.

Dopo la bocciatura alle urne del progetto di riforma Previdenza 2020, l'organizzazione padronale chiede di riformare i due pilastri della previdenza vecchiaia "separatamente, a tappe e in porzioni digeribili". Il popolo svizzero "ha dato prova di aver capito la realtà dei dati demografici", ha sottolineato il presidente dell'USI.

Per l'organizzazione degli imprenditori, la prima tappa "dev'essere intrapresa al più presto e limitarsi al minimo indispensabile". L'USI propone di innalzare a tappe l'età di pensionamento delle donne a 65 anni e di aumentare "moderatamente" l'IVA di 0,6 punti percentuali.

Su questi due punti, già previsti dalla riforma Previdenza 2020, il Consiglio federale farebbe bene a "rinunciare a una nuova procedura di consultazione", ha affermato il direttore dell'USI Roland Müller. Il tempo così guadagnato permetterebbe di realizzare la prima tappa della riforma dell'AVS entro il 2021.

In assenza di misure, l'AVS accumulerà un disavanzo di un miliardo nel 2020 e per il 2030 il deficit è destinato a salire a 7 miliardi di franchi, sottolinea l'organizzazione degli imprenditori.

Per quanto riguarda la LPP, l'USI propugna una "riduzione sostanziale del tasso minimo di conversione", accompagnata da una compensazione adeguata in grado di "garantire il livello delle rendite". La compensazione dovrà essere definita d'intesa con i partner sociali, come chiede il Consiglio federale.

La seconda tappa della riforma dovrà essere affrontata a partire dalle metà circa degli anni 2020 e dovrà prevedere un aumento "progressivo" dell'età di pensionamento. L'USI considera prematuro avanzare ora delle cifre. Tutto dipenderà dall'evoluzione economica della Svizzera, ha affermato il presidente Vogt.

Per l'Unione sindacale svizzera (USS), quelle fatte dagli imprenditori sono "proposte di smantellamento" che "aggraveranno i problemi della previdenza vecchiaia, invece di risolverli". In una nota, la confederazione sindacale chiede di mantenere invariata l'età di pensionamento e di fare in modo che le rendite correnti permettano di compensare il forte aumento dei costi della sanità.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS