Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La consigliera federale Simonetta Sommaruga ha partecipato oggi all'incontro dei ministri degli interni Ue sul tema dei rifugiati, svoltosi a Lussemburgo, spiegando che la Svizzera sosterrà i programmi europei per risolvere la crisi.

La presidente della Confederazione ha affermato - si legge in un comunicato odierno del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) - che la Svizzera è pronta a sostenere il programma Frontex e l'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo (EASO), anche se la sorveglianza delle dogane spetta ai singoli stati.

"Le discussioni odierne servono a rafforzare la credibilità della politica migratoria e d'asilo a livello europeo", ha affermato la Sommaruga. Per riuscire a risolvere la crisi, ogni Stato deve svolgere i propri compiti, e bisogna impedire che gli immigrati continuino a spostarsi da un Paese all'altro, ha aggiunto.

La presidente ha inoltre sottolineato che la Svizzera è preoccupata per il dilagare del conflitto in Siria.

Prima dell'incontro la ministra della giustizia aveva dichiarato che occorre fare tutto il possibile "per proteggere chi veramente necessita protezione, e sono in molti". "Penso che la Svizzera in questo possa contribuire, fare pressione, in quanto senza una politica d'asilo europea solidale non possiamo risolvere l'attuale crisi dei rifugiati".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS