Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera accoglie favorevolmente la proposta francese di una conferenza internazionale sui rifugiati a Parigi.

In occasione oggi della Conferenza sulla protezione delle vittime di violenze etniche e religiose in Medio Oriente nella capitale francese, il consigliere federale Didier Burkhalter ha insistito sulla necessità di mettere tutti intorno a un tavolo.

Ieri il presidente francese François Hollande aveva annunciato di voler organizzare una conferenza sulla crisi migratoria. "Tutto ciò che va nel senso di farsi carico" del problema da parte della comunità internazionale è positivo, ha indicato oggi all'ats il portavoce del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) Jean-Marc Crevoisier.

Burkhalter ha invitato a trovare soluzioni politiche nei Paesi dei migranti per calmare il flusso di arrivi in Europa. Il ministro degli esteri elvetico nella conferenza odierna a Parigi ha esortato a impegnarsi per "fermare la guerra" e per adottare misure sostenibili per i più vulnerabili.

Il consigliere federale ha insistito sul sostegno politico e umanitario della Svizzera. Nel primo ambito Berna assiste in particolare l'inviato speciale dell'Onu per la Siria, Staffan de Mistura, nel suo processo multilaterale di dialogo.

Sul fronte umanitario, la Svizzera conduce da due anni un dialogo trilaterale inedito con l'Iran e la Siria. Cinque incontri hanno avuto luogo in quest'ambito, tre a Teheran uno a Damasco e uno in Svizzera, con la partecipazione del segretario di Stato Yves Rossier, ha sottolineato Crevoisier.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS