Navigation

Rio+20: Ban Ki-moon lancia in Brasile programma fame zero

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 giugno 2012 - 07:24
(Keystone-ATS)

Cinque obiettivi per puntare alla 'fame zero' nel mondo. È la nuova iniziativa che il segretario generale dell'Onu, Ban ki-moon, lancia dal vertice sullo sviluppo sostenibile di Rio de Janeiro, accompagnando il progetto con un appello a "governi, imprese, contadini, scienziati, società civile e consumatori".

Il programma rappresenta una sfida (intitolata 'Zero Hunger'), precisa Ban ki-moon, e "trova ispirazione nel grande lavoro fatto da molti paesi e organismi contro la fame, incluso il Brasile, il cui programma 'Fame Zero' sta ponendo fine alla fame utilizzando alimenti locali dell'agricoltura familiare e il sistema delle "cucine comunitarie".

"La 'fame zero' - aggiunge - promuove la crescita economica, riduce la povertà e protegge l'ambiente, oltre a promuovere la pace e la stabilita".

Nel sottolineare i "cinque obiettivi" del programma, Ban ki-moon ricorda "il 100% di accesso ad un'alimentazione adeguata durante tutto l'anno, nessun bambino con meno di due anni con problemi di fame, la sostenibilità per tutti i sistemi alimentari, crescita della produttività e reddito dei piccoli agricoltori, soprattutto delle donne, consumi responsabili.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.