Navigation

Risanamento San Gottardo: poca lungimiranza dice TCS

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 dicembre 2010 - 15:31
(Keystone-ATS)

BERNA - Sebbene il necessario risanamento della galleria autostradale del San Gottardo sia noto da oltre un decennio, "le nostre autorità propongono ora la chiusura totale del tunnel, senza un'alternativa soddisfacente per le regioni colpite".
Lo afferma il TCS, che parla di "scarsa lungimiranza" in materia di trasporti e chiede che la sicurezza degli utenti sia il criterio determinante per qualsiasi decisione, nel rispetto degli interessi internazionali, nazionali e regionali.
Stando al rapporto del governo - scrive il TCS - sono le regioni del Ticino, della Svizzera centrale, dei Grigioni e del Vallese, che dovranno sopportare le conseguenze. Eppure, "la responsabilità del caos preannunciato oggi va ricercata nella negligenza delle nostre autorità" in materia di pianificazione delle infrastrutture.
Il TCS ricorda che "soltanto un secondo tubo può garantire una sicurezza ottimale", in grado di evitare in futuro tragedie come quelle avvenute nella galleria del Monte Bianco (1999) o del San Gottardo (2001).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?