Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Finisce l'avventura dei sei ricercatori isolati per un anno alle Hawaii per simulare una spedizione su Marte.

Keystone/AP University of Hawaii at Manoa/NEIL SCHEIBELHUT

(sda-ats)

Finisce l'avventura dei sei ricercatori isolati per un anno alle Hawaii per simulare una spedizione su Marte, con la missione della Nasa 'Hi-Seas'.

Questa sera alle 21 (ora svizzera) lasceranno la grande cupola che è stata la loro 'casa spaziale' sulle pendici del vulcano Mauna Loa, per tornare nei rispettivi Paesi d'origine con le valigie cariche di ricordi, dati scientifici e nuove abitudini 'marziane'.

Lo racconta all'agenzia di stampa italiana ANSA proprio uno di loro, il giovane astrobiologo francese Cyprien Verseux, ormai pronto per tornare a lavorare tra l'Università di Tor Vergata e il Centro di ricerca Ames della Nasa a Moffet Field, in California.

Dopo aver vissuto 12 mesi come nel film 'The martian', Verseux afferma convinto: "una missione spaziale su Marte è realistica nel prossimo futuro, le difficoltà tecnologiche e umane sono superabili".

Lo racconta a poche ore dalla partenza attraverso un'email, unico mezzo con cui può comunicare con il mondo esterno con un 'ritardo' di 20 minuti (per simulare i reali tempi di trasmissione col pianeta rosso).

In questo anno, Verseux è stato impegnato a studiare l'impiego dei batteri per convertire le poche risorse marziane in sostanze nutritive per le piante necessarie alla sopravvivenza dell'uomo. "I risultati sono molto incoraggianti - scrive il ricercatore - l'idea funziona!". Due i 'souvenir' che porterà a casa da questo viaggio: l'ukulele e una maggiore "attenzione nel consumo delle risorse come acqua, cibo ed energia".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS