Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - L'iniziativa popolare "Protezione contro il fumo passivo" è formalmente riuscita. Delle 116'993 firme raccolte, 116'290 sono valide, ha annunciato oggi la Cancelleria federale.
Il testo chiede in particolare un divieto di fumo generale per gli spazi chiusi adibiti a luogo di lavoro. Salvo eccezioni previste dalla legge, lo stesso dovrebbe valere anche per gli altri luoghi chiusi accessibili al pubblico, in particolare alberghi e ristoranti, trasporti pubblici e scuole, ospedali e prigioni.
Il testo dell'iniziativa, secondo i promotori, colmerebbe le lacune della legge federale che continua a consentire locali per fumatori a certe condizioni. Per gli iniziativisti, un'estensione del divieto del tabacco gioverebbe non soltanto alla salute, ma anche al portafoglio: permetterebbe infatti di ridurre i costi sanitari provocati dal fumo passivo, stimati a 500 milioni di franchi all'anno.

SDA-ATS