Navigation

Riuscito referendum contro aerei combattimento

Un F/A-18 a Payerne. KEYSTONE/PETER KLAUNZER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 giugno 2020 - 14:36
(Keystone-ATS)

Il referendum contro l'acquisto di nuovi aerei da combattimento è formalmente riuscito: 65’685 firme sulle 65’913 consegnate la scorsa settimana contro il decreto federale sono valide.

Lo comunica oggi la Cancelleria federale, ricordando che il popolo sarà chiamato a esprimersi in proposito il prossimo 27 settembre: gli svizzeri non voteranno né sul modello di aereo né sul numero si velivoli, ma solo sul principio dell'acquisto.

Consiglio federale e Parlamento intendono comperare dal 2025 nuovi aerei da combattimento per sei miliardi di franchi che dovrebbero sostituire l'attuale flotta di F/A-18 e Tiger. Gli oppositori ai nuovi jet da combattimento - il Gruppo per una Svizzera senza Esercito (GSsE), il Partito Socialista e i Verdi - sostengono che i costi siano troppo elevati.

Per l'intera durata di vita dei velivoli, comprese le spese di esercizio e di manutenzione, si calcolano infatti costi per i contribuenti di 24 miliardi di franchi. Questo denaro mancherà altrove: nell'istruzione, nei trasporti pubblici o nell'AVS.

I sostenitori dei nuovi caccia - tra cui PLR, UDC, PPD, PBD, PVL e PEV - controbattono che la protezione della popolazione è tutt'altro che un "lusso".

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.