Navigation

Roche: abbiamo test coronaviruus, ma difficoltà a portarlo in Cina

Roche ci guadagna in reputazione. KEYSTONE/GEORGIOS KEFALAS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 gennaio 2020 - 11:12
(Keystone-ATS)

Roche ha sviluppato un test che permette di dimostrare la presenza del coronavirus, ma a causa dei blocchi che il governo cinese ha imposto ad alcune regioni e città il gruppo farmaceutico ha difficoltà a far pervenire al fronte i sistemi diagnostici.

"Riuscire a portare la merce negli ospedali è effettivamente una sfida", ha affermato Thomas Schinecker, responsabile della divisione diagnostica di Roche, durante la presentazione dei risultati annuali del gruppo.

L'impresa ha sviluppato il primo test per il coronavirus, ha spiegato il Ceo Severin Schwan. Questo sulla scorta della larga esperienza di cui l'azienda dispone in questo campo, per esempio in relazione all'epidemia di Sars nel 2003.

Schwan non si aspetta peraltro grandi introiti dai test. Si tratta a suo avviso di prodotti che devono essere messi a disposizione rapidamente e in grandi quantità: lunghe trattative sul prezzo non sarebbero quindi opportune. "All'inizio li abbiamo donati", ha detto il manager. "Dal punto di vista degli affari è qualcosa da dimenticare". Questo approccio crea però molta simpatia per Roche: "dal profilo della reputazione ci sono certo dei vantaggi", ha concluso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.