Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BUCAREST - Con la morte, ieri, di una donna uccisa dall'acqua alta in provincia di Covasna (centro del Paese) sale a 26 il bilancio dei morti delle alluvioni che hanno colpito la Romania nelle ultime settimane. Le inondazioni hanno provocato anche ingenti danni per centinaia di milioni di euro in 37 delle 41 province del Paese, come annunciato dal premier Emil Boc. Delle circa 7.000 abitazioni danneggiate, un migliaio va ricostruito completamente, ha precisato il premier.
Boc ha spiegato che si tratta di un bilancio provvisorio e che e' in corso la valutazione dei danni nei settori agricoltura, infrastruttura ed energia. Precisando che lo Stato fornira' i materiali da costruzione ai disastrati per rifare le proprie abitazioni, il premier ha chiesto che le nuove case siano costruite presto e non in zone a rischio alluvioni.
Permane intanto il rischio alluvioni sul Danubio, il tratto a sud-est del Paese, e sul fiume Prut (est), che segna il confine con la Moldavia, pure colpita dalla furia delle acque. Le previsioni indicano temperature che supereranno i 30 gradi nelle prossime due settimane.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS