Navigation

Romania: presidenziali, domani ballottaggio Iohannis-Dancila

I due candidati che si sfidano domani al ballottaggio. KEYSTONE/EPA/ROBERT GHEMENT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 novembre 2019 - 15:15
(Keystone-ATS)

In Romania si torna a votare domani per il ballottaggio delle presidenziali, che vede la sfida fra il presidente uscente, il conservatore Klaus Iohannis, e la ex premier socialdemocratica Viorica Dancila.

Nel primo turno del 10 novembre scorso si era affermato con largo margine Iohannis, al quale era andato il 37,82% dei voti, mentre Dancila - il cui governo è stato sfiduciato dal parlamento il 10 ottobre scorso - aveva ottenuto il 22,26% delle preferenze. Al terzo posto si era piazzato il candidato liberale Dan Barna con il 15,02%.

Per la sfida di domani tutti i sondaggi danno per favorito Iohannis, ritenendo la forbice fra i due candidati in lizza troppo ampia per essere colmata. L'unica incognita che potrebbe cambiare le previsioni della vigilia è l'affluenza alle urne.

Sono quasi 19 milioni i cittadini con diritto di voto, ma solo poco più del 50% si è presentato ai seggi al primo turno. Iohannis, che durante una campagna elettorale molto blanda ha anche rifiutato il confronto diretto con la sfidante Dancila, si avvia dunque con ogni probabilità ad assumere il secondo mandato consecutivo, forte del vantaggio già accumulato e dell'alleanza con gli altri partiti di centrodestra. Di contro, Dancila è in pratica rimasta a gareggiare da sola dopo che anche i suoi alleati di centrosinistra, Pro Romania e Alde, l'hanno abbandonata procurando la caduta del suo governo il mese scorso.

Ieri sera, a chiusura della campagna elettorale, i due sfidanti hanno lanciato gli ultimi appelli agli elettori, accusandosi a vicenda di non aver fatto abbastanza per lo sviluppo economico e l'avanzamento democratico del Paese balcanico, costantemente sotto osservazione da parte della Ue per la dilagante corruzione anche nelle alte sfere politiche.

Le operazioni di voto sono già cominciate ieri per i numerosi romeni residenti all'estero. Dopo la giornata odierna di silenzio elettorale, domani i seggi resteranno aperti dalle 7 alle 21 locali (6-20 italiane) e subito dopo sono attesi i primi exit poll.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.