Gelo tra Mosca e Minsk per il caso Uralkali. L'ambasciatore bielorusso in Russia è stato convocato d'urgenza oggi dal Ministero degli esteri per l'arresto, ieri a Minsk, di Vladislav Baumgertner, capo del gigante russo dei fertilizzanti Uralkali. Un fermo "inammissibile" per Mosca che ne chiede il rilascio e minaccia ripercussioni sui rapporti politici bilaterali.

Accusato di abuso di potere, Baumgertner rischia in teoria fino a 10 anni di carcere. Ma per alcuni è una ritorsione per aver rotto con un'azienda bielorussa un mese fa.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.