Navigation

Russia: attentato aeroporto, fermati due presunti complici

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 marzo 2011 - 17:48
(Keystone-ATS)

Le forze di sicurezza russe hanno fermato nella repubblica caucasica dell'Inguscezia due presunti partecipanti all'attentato all'aeroporto moscovita di Domodedovo del 24 gennaio, che causò la morte di 36 persone. Lo riferisce l'agenzia Itar-Tass citando il comitato nazionale anti-terroristico.

Si tratta di due fratelli ingusci già ricercati, Islam e Iles Iandiev, che avrebbero accompagnato all'aeroporto il kamikaze, poi identificato come Magomed Ievloiev, 20 anni, inguscio. Lo riferisce una fonte delle forze dell'ordine locali citata da Interfax.

La polizia aveva già effettuato tre arresti nell'ambito delle indagini sull'attacco a Domodedovo, tra cui il fratello e la sorella dell'attentatore, rispettivamente Akhmed (16) e Fatima (22).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.