Navigation

Russia: incendi, non ancora cessato allarme a centrale Sarov

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 agosto 2010 - 09:30
(Keystone-ATS)

MOSCA - Circa 3 mila vigili del fuoco e volontari della protezione civile russa stanno ancora lottando contro l'incendio che da due settimane infuria non lontano dalla centrale nucleare di Sarov, a circa 500 chilomentri da Mosca.
Serghiei Kirienko, responsabile dell'ente russo per l'energia nucleare, ha ammesso che per decretare il cessato allarme ci vorrebbero piogge almeno come quelle che venerdì hanno interessato la regione della capitale russa. Kirienko ha tuttavia assicurato che veri pericoli non ve ne sono e che la situazione è sotto controllo.
Serghiei Shoigu, ministro per le situazioni di emergenza, ha detto dal canto suo che gli incendi che da settimane stanno devastando il paese sono stati ridotti e che nessuna installazione sensibile è minacciata.
Secondo i dati forniti dal suo dicastero, a tutt'oggi nella Federazione sono ancora attivi 480 focolai che interessano un totale di 56 mila ettari, ossia 10 mila in meno rispetto a venerdi. Anche nella regione di Mosca la situazione è migliorata, con 16 incendi ancora attivi contro i 29 di ieri. Dal mese scorso si calcola in ogni caso che sia di almeno 800 mila ettari il totale della superficie divorata dalle fiamme.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.