Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Comune di Mosca fa cassa vendendo all'asta per 221 milioni di euro il leggendario Hotel Metropol di Mosca, icona liberty russa, testimone di momenti cruciali della storia del Paese e meta preferita di artisti, capi di Stato e teste coronate. In questo lussuoso albergo di fronte al Bolshoi, a due passi dal Cremlino, sono passati da Lenin a Marcello Mastroianni, sino a Barack Obama.

Si tratta dell'unico hotel pre-rivoluzionario sopravvissuto insieme al National, anch'esso vicino alla piazza Rossa e già privatizzato dal Comune a fine 2011, quando fu venduto all'imprenditore Mikhail Gutseriev per 112 milioni di euro. Questa volta la base d'asta era quasi il doppio: 217 milioni di euro. Tre, tutti russi, i partecipanti alla gara. A vincere è stato Aleksandr Kliacin, un imprenditore poco noto al grande pubblico anche se è stato il primo del suo Paese ad esportare un marchio alberghiero russo in Europa, con la catena di hotel Azimut.

A capo anche della banca russa dello sviluppo e della finanziaria Mir, impegnato in attività di beneficenza e nel progetto editoriale Snob creato dall'oligarca Prokhorov, Kliacin ha già annunciato che non intende toccare nulla in quello che è considerato un patrimonio storico-culturale, di cui deteneva già la quota di controllo da inizio 2012.

In effetti questo storico hotel a 5 stelle con 362 camere (72 suite), 2 ristoranti e una decina di sale da banchetto su un'area di 40 mila mq è un vero e proprio gioiello architettonico e un pezzo di storia. Fu fatto costruire dall'imprenditore-mecenate Savva Mamontov, che chiamò i migliori artisti e architetti dell'epoca. Inaugurato nel 1901, si guadagnò subito l'appellativo di "Torre di Babele del XX secolo". All'epoca era l'unico albergo in Russia con acqua calda, frigoriferi, ascensori e telefoni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS