Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MOSCA - Il premier Vladimir Putin ha approvato oggi la decisione del presidente Dmitri Medvedev di licenziare il sindaco di Mosca Iuri Luzhkov che, a suo avviso, avrebbe dovuto "normalizzare" tempestivamente i rapporti con il capo dello Stato.
Secondo quanto riferiscono le agenzie russe, Putin ha detto di aver discusso con Medvedev le candidature per la successione di Luzhkov in quanto leader del partito Russia Unita, che ha la maggioranza nella Duma della capitale.
"Penso che avrò che la possibilità di esprimere il mio giudizio in merito", ha sottolineato il capo del governo, come riferisce l'agenzia Itar-Tass, ricordando le nuove procedure di legge, che prevedono consultazioni tra il presidente russo e la dirigenza del partito di maggioranza di una regione nel caso della nomina di un sindaco o di un governatore.
La nuova prassi, introdotta proprio da Medvedev, stabilisce che il partito che ha vinto le elezioni in una regione indichi una rosa di candidati al capo dello Stato. "Sono convinto che anche in questo caso la legge sarà rispettata e le modalità introdotte da Medvedev saranno utilizzate", ha aggiunto Putin.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS