Navigation

Russia: scarcerata israeliana dopo la grazia di Putin

Naama Issachar durante un'udienza d'appello lo scorso dicembre a Mosca. Keystone/AP/ALEXANDER ZEMLIANICHENKO JR sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 gennaio 2020 - 14:01
(Keystone-ATS)

La giovane israelo-americana Naama Issachar, incarcerata in Russia per possesso di droga e graziata ieri dal presidente Vladimir Putin, è stata liberata dalla prigione di Mosca in cui era detenuta, hanno annunciato i servizi penitenziari russi.

La liberazione di Issachar avviene in concomitanza con la visita di oggi a Mosca del premier israeliano Benyamin Netanyahu, che ha premuto su Putin per la liberazione della ragazza e che è alla ricerca di consensi in vista delle elezioni legislative del 2 marzo.

Netanyahu ha incontrato la 26enne all'aeroporto Vnukovo di Mosca. "È commovente vederti, adesso torniamo a casa", ha detto alla giovane stando all'ufficio stampa del premier, citato dalla Tass. All'incontro erano presenti anche la moglie di Netanyahu, Sara, e la madre di Naama Issachar, Yaffa. Secondo una fonte citata dall'agenzia Interfax la ragazza è quindi salita sull'aereo del premier.

Issachar era stata arrestata all'aeroporto Sheremetyevo di Mosca nell'aprile del 2019 mentre faceva scalo in un viaggio dall'India a Israele. Le autorità russe dicono di averla scoperta in possesso di nove grammi di marijuana e a ottobre un tribunale l'ha condannata a sette anni e mezzo di reclusione.

Putin la settimana scorsa aveva incontrato la madre di Issachar e Netanyahu in Israele a margine delle celebrazioni del 75esimo anniversario della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz. Domenica, la ragazza ha deciso di scrivere a Putin una richiesta di grazia, a cui il presidente russo ieri ha risposto positivamente.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.