Navigation

Russia: tycoon Prokhorov pronto a guida partito Medvedev

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 maggio 2011 - 10:23
(Keystone-ATS)

L'oligarca Mikhail Prokorov, 46 anni, il secondo uomo più ricco di Russia con una fortuna stimata dalla rivista Finans 22,7 miliardi di dollari, potrebbe irrompere nel mondo politico russo assumendo la guida di Causa Giusta, un partito che per ora non ha seggi in parlamento ma che si è già schierato per la ricandidatura del presidente Dmitri Medvedev.

Lo riferisce il tabloid Komsomolskaia Pravda riportando una lettera che Prokhorov ha inviato ai dirigenti della sua holding Onexim, confermando oggi alla stampa la sua intenzione.

Prokhorov avrebbe più volte rifiutato in passato di guidare Causa Giusta ma nella missiva sottolinea che "nessuno ha sostenuto la mia posizione, neppure mia sorella che odia la politicà". "Se qualcuno di noi che ha la possibilità e vuole vivere in Russia non tenta di cambiare qualcosa, allora nulla cambierà mai", scrive il magnate, dicendosi ora pronto a condurre il partito.

Leonid Gozman, co-presidente di Causa Giusta, non ha escluso oggi che Prokhorov possa guidare il partito "ma - ha precisato -ci sono anche altre opzioni". "Il nostro obiettivo è togliere a Russia Unita - il partito del premier Vladimir Putin, ndr - il monopolio del potere", ha aggiunto. Se Prokhorov scendesse in campo, il panorama politico russo sarebbe destinato a cambiare: per il ritorno diretto nell'arena politica di un oligarca dopo il processo "monito" di Khodorkovski e la possibilità che Medvedev trovi una sponda politica per ricandidarsi.

Prokhorov ha fatto gran parte della sua fortuna vendendo il suo quarto di azioni di Norilsk Nickel prima della crisi del 2008. Conosciuto come lo 'scapolo d'orò, è balzato all' attenzione delle cronache mondane nel 2007 per un breve arresto nella nota località sciistica francese di Courchevel per un presunto traffico di prostitute.

L'oligarca è proprietario della squadra di basket americana Nba del New Jersey Nets.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?