Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ha ucciso e fatto a pezzi la moglie dopo una lite, ma è stato incastrato dopo che la polizia ha ritrovato il corpo smembrato della moglie nell'auto dell'uomo.

L'uomo, uno dei fondatori di una antica catena di ristoranti alla moda della capitale russa, ha confessato di aver strangolato la moglie, giornalista di 39 anni, madre di tre bambini, nella notte tra il 2 e il 3 gennaio, dopo una lite. Ha quindi fatto a pezzi il corpo e lo ha messo nel bagagliaio di un'auto per sbarazzarsene, riferisce un comunicato della polizia.

Ha quindi fatto credere che la moglie fosse scomparsa e, dopo aver sporto denuncia, ha addirittura lanciato un appello in internet per ritrovarla, scrive il sito di informazioni gazeta.ru.

La polizia ha perquisito la sua abitazione e cercato l'auto che l'uomo aveva prestato recentemente ad un'amica: dentro c'erano la testa, il tronco, le gambe e le mani della donna. L'uomo ha immediatamente confessato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS