Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente dell'Unione dei giornalisti di Mosca, Pavel Gusev, denuncia che "la polizia ha violato il diritto costituzionale dei giornalisti a raccogliere informazioni".

KEYSTONE/AP/ALEXANDER ZEMLIANICHENKO

(sda-ats)

Il presidente dell'Unione dei giornalisti di Mosca, Pavel Gusev, denuncia che "la polizia ha violato il diritto costituzionale dei giornalisti a raccogliere informazioni" fermando alcuni di loro durante le proteste di ieri organizzate dall'oppositore Alexiei Navalni.

"L'Unione dei giornalisti di Mosca - ha dichiarato Gusev - ha un accordo con il dipartimento di polizia per gli accrediti speciali dei giornalisti che coprono eventi pubblici. I nuovi capi del dipartimento di polizia cittadino o non ne sono a conoscenza o lo hanno ignorato per una qualche ragione". Tra le centinaia di persone fermate ieri a Mosca, ci sono stati almeno due giornalisti: Aleksandr Plushchev di Radio Eco di Mosca, e Alec Luhn del Guardian.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS