Navigation

Russia: voto; Putin, giri di vite? No, dialogo e riforme

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 marzo 2012 - 07:43
(Keystone-ATS)

In caso di vittoria alle presidenziali di domenica, il premier Vladimir Putin ha escluso un giro di vite promettendo dialogo e riforme, ma ha escluso l'ipotesi di elezioni parlamentari anticipate, come chiede l'opposizione di piazza dopo i brogli di dicembre.

Lo riferiscono le agenzie russe nei resoconti della cena ieri sera tra il capo del governo e i direttori di sei giornali stranieri, tra cui La Repubblica, nella residenza di Novo-Ogariovo.

Alla domanda se intende dare una "stretta" nel caso vincesse la corsa al Cremlino, Putin ha risposto: "Perchè dovrei? Al contrario, il presidente Medvedev ha sottoposto un pacchetto di leggi che liberalizza il nostro sistema politico e consente di creare partiti con requisiti più bassi per l'iscrizione".

"Non so - ha proseguito - da dove provengano tali timori, noi stiamo facendo l'opposto. Non abbiamo alcuna intenzione del genere. Tutte le nostre proposte mirano a promuovere il dialogo tra chi ci sostiene e chi ci critica".

Il premier ha tuttavia escluso l'ipotesi di sciogliere il parlamento per tenere elezioni anticipate. Quanto ai brogli, ha detto, ci sono i tribunali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?