Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I fatti sul commercio illegale di petrolio condotto dalla Turchia con i terroristi dell'autoproclamato Stato islamico (IS) verranno presentati all'Onu. Lo ha detto a Belgrado il ministro degli esteri russo Serghiei Lavrov, come riferito dalle agenzie.

"Noi abbiamo ripetutamente detto in pubblico che il petrolio proveniente dai depositi occupati dall'IS in Siria e Iraq va a finire all'estero, e in particolare in Turchia. Le prove a conferma di ciò saranno presentate formalmente a tutte le parti interessate, comprese le Nazioni Unite", ha detto Lavrov.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS