Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il direttore dei servizi segreti russi Alexander Bortnikov (foto d'archivio)

KEYSTONE/AP RIA Novosti Kremlin/MIKHAIL KLIMENTYEV

(sda-ats)

I servizi segreti russi e americani continuano a essere in contatto "nonostante i problemi esistenti": lo ha detto il direttore dei servizi russi (Fsb) Aleksandr Bortnikov in un incontro a Krasnodar.

"Contatti diretti - ha affermato Bortnikov - sono in corso tra i capi dei servizi speciali, prima di tutto della Cia. Questo - ha precisato il direttore dell'Fsb - riguarda non solo la questione siriana, ma anche questioni legate alla lotta al terrorismo in generale".

La Russia torna poi a negare di aver interferito nelle elezioni americane dello scorso anno favorendo Trump a discapito di Hillary Clinton con una serie di attacchi hacker. Il capo dei servizi di sicurezza russi (Fsb), Aleksandr Bortnikov, ha ribadito stasera che la Russia "non ha mai interferito, non interferisce e non interferirà negli affari interni degli Stati sovrani".

Bortnikov ha inoltre detto di aver discusso della questione con John Brennan quando questi era direttore della Cia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS