Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MOSCA - Un gigantesco incendio è divampato nella notte in un night club nel centro di Mosca, l'Opera club, causando la morte di un guardiano e costringendo i vigili del fuoco ad evacuare circa 250 persone che vivevano nelle vicinanze. Per ora l'ipotesi è violazione delle leggi sulla sicurezza. Lo riferiscono le agenzie.
Per spegnere le fiamme, sviluppatesi in 1200 metri quadri in un vecchio edificio di tre piani, sono stati impiegati 35 squadre dei pompieri e 12 autopompe: il traffico nella zona è ancora paralizzato.
Nonostante le ripetute violazioni riscontrate negli ultimi mesi, il locale, dove erano in corso lavori di ristrutturazione, risultava in attività, ma quando è scoppiato il rogo non c'erano clienti, altrimenti avrebbe potuto essere una strage.
All'inizio di dicembre sono morte 148 persone nel locale notturno "Il cavallo zoppò di Perm, sugli Urali, in seguito ad alcuni fuochi d'artificio esplosi all'interno. Successivamente il leader del Cremlino Dmitri Medvedev aveva disposto controlli a tappeto in tutto il Paese e prima di Natale il servizio federale di sorveglianza anti incendio russo aveva chiesto la chiusura di 2700 tra club, discoteche e ristoranti in tutta la Russia. Ma l'Opera club, dopo la chiusura di un mese, aveva riaperto, a dimostrazione che spesso i controlli in Russia sono inutili.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS