Navigation

Rustici: Ufficio federale presenta ricorso contro piano ticinese

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 novembre 2010 - 15:27
(Keystone-ATS)

BERNA - Dalle parole ai fatti: l'Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE), come già preannunciato lo scorso 23 settembre, ha presentato ricorso a titolo preventivo presso il Tribunale amministrativo del Canton Ticino contro il piano cantonale denominato "Paesaggi con edifici e impianti protetti PUC-PEIP".
Il piano, approvato dal Gran Consiglio nello scorso maggio, designa "i paesaggi da preservare" e permette "il cambiamento di destinazione di circa 11 mila rustici situati fuori dalle zone edificabili". Il Cantone è autorizzato a prevedere tali mutamenti, a patto però - si legge in una nota dell'ARE - che "gli edifici e il paesaggio siano degni di protezione e che il Piano di utilizzazione contempli misure vincolanti atte a proteggerli".
L'ARE scrive nel suo comunicato che "il Piano di utilizzazione cantonale necessita di alcuni adattamenti". Bisognerà perciò "trovare soluzioni" - e l'Ufficio è pronto a collaborare con le autorità ticinesi - che "consentano di attuare il piano in conformità con la legislazione federale".
In particolare si tratterà di "verificare che le zone del PUC-PEIP in cui si trovano le infrastrutture, le zone edificabili e gli edifici abitativi di costruzione relativamente recente siano effettivamente ancora degne di protezione". Ma si tratterà anche di "garantire che i paesaggi contemplati nel PUC-PEIP non vengano deturpati da costruzioni e impianti, trasformazioni del terreno e dall'espansione dei boschi".
L'ARE afferma che il suo ricorso al Tribunale amministrativo "va inteso come un contributo volto a eliminare le lacune del Piano di utilizzazione affinché, entro breve, possano essere rilasciate le prime autorizzazioni per un cambiamento di destinazione dei rustici".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?