Navigation

Ryanair: prevede di tagliare 3mila posti lavoro

Ryanair potrebbe tagliare 3mila posti di lavoro. KEYSTONE/DPA/Andreas Arnold sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 01 maggio 2020 - 09:38
(Keystone-ATS)

Ryanair potrebbe tagliare 3mila posti di lavoro perché, ha dichiarato oggi, ci potrebbero volere almeno due anni perché la domanda dei passeggeri torni alla normalità. I tagli riguarderebbero principalmente piloti e personale di bordo.

La compagnia aerea valuta inoltre riduzioni salariali fino al 20% e la chiusura di una serie di basi in Europa fino al recupero del traffico. L'amministratore delegato del gruppo Michael O'Leary, che si era ridotto la retribuzione del 50% per aprile e maggio, ha deciso di estendere questa riduzione per l'intero esercizio finanziario, fino a marzo 2021.

Ryanair ha anche annunciato lo stop del 99% dei suoi voli fino a luglio e ha dichiarato di aver avviato negoziati con Boeing per ridurre il numero di consegne di aeromobili nei prossimi 24 mesi, spiegando che il numero di passeggeri del primo trimestre è stato inferiore del 99,5% alle previsioni di 42,4 milioni di passeggeri, attestandosi su meno di 150.000.

Fino a marzo 2021, Ryanair prevede di trasportare meno di 100 milioni di passeggeri, oltre il 35% al di sotto del suo obiettivo originale di 154 milioni. La compagnia aerea ha anche affermato che contesterà nei tribunali europei gli "aiuti di Stato illegali e discriminatori" concessi ad alcune compagnie aeree europee.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.