Navigation

Ryanair non esclude stop completo voli

Un grounding provocato dal coronavirus? KEYSTONE/AP/MARTIN MEISSNER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 marzo 2020 - 15:30
(Keystone-ATS)

Ryanair sta per mettere a terra la maggior parte della sua flotta, per le conseguenze del coronavirus, e afferma che "non è possibile escludere" una completa messa a terra dei suoi aerei. Lo riporta la Bbc.

A causa delle restrizioni al volo adottate da molti paesi europei in seguito all'epidemia di coronvirus, la compagnia low cost prevede di "lasciare a terra la grande maggioranza dei suoi aerei in Europa nei prossimi 7-10 giorni".

"Per aprile e maggio - spiega una nota - Ryanair si aspetta ora di ridurre la sua capacità fino all'80%, e non può essere esclusa una completa messa a terra della flotta. Ryanair sta prendendo azioni immediate per ridurre le spese operative e migliorare i flussi di cassa".

Queste misure includeranno "la messa a terra degli aerei in surplus, il rinvio di tutti gli investimenti e del riacquisto di azioni, il congelamento delle assunzioni e della spesa discrezionale" incluse "significative riduzioni delle ore di lavoro e dei pagamenti".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.