Navigation

Sakineh: Berlino, i duetedeschi hanno incontrato i parenti

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 dicembre 2010 - 07:48
(Keystone-ATS)

BERLINO - I due giornalisti tedeschi detenuti in Iran da ottobre hanno potuto incontrare loro familiari a Tabriz, la località del nord ovest del Paese dove sono incarcerati. Lo ha annunciato il ministero degli Esteri tedesco.
Il dicastero ha riferito che il ministro degli Esteri tedesco, Guido Westerwelle, ha ringraziato il collega iraniano per il suo "sostegno" ma ha ricordato quanto il governo di Berlino auspichi un "prossimo ritorno in Germania dei nostri due concittadini".
I due tedeschi, che lavorano per la "Bild am Sonntag" ma i cui nomi non sono stati mai resi noti, sono accusati di essere entrati in Iran con un visto turistico, e non giornalistico, per intervistare il figlio di Sakineh, Sajjad Ghaderzadeh, e il suo avvocato, Javid Hutan Kian, poi arrestati con loro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo