Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le parti sociali firmatarie dei principali contratti collettivi di lavoro (CCL) hanno concordato per il 2013 un aumento nominale dei salari effettivi dello 0,7%, di cui 0,3 punti percentuali a titolo collettivo e 0,4 a titolo individuale. Lo indica l'Ufficio federale di statistica (UST) in una nota odierna in cui precisa che i salari minimi sono aumentati dello 0,6%. Le trattative concluse riguardano oltre un milione di lavoratori.

Tenendo conto delle previsioni dell'evoluzione dei prezzi al consumo per quest'anno (2013: -0,1%), i salari reali nei comparti sottoposti a CCL dovrebbero aumentare dello 0,8%, un punto in meno rispetto al 2012 (adeguamento salariale: +1,1%, prezzi: -0,7%), rileva l'UST.

Le rimunerazioni sono cresciute dello 0,3% nel settore secondario e dell'1% nel terziario. Le sezioni economiche nelle quali si osservano gli adeguamenti più elevati sono le "Attività amministrative e di servizi di supporto" (+1,7%) nonché la "Sanità e assistenza sociale" (+1,2%). Sul fronte opposto, l'adeguamento medio è stato più modesto o inesistente nelle sezioni "Costruzioni" (+0,5%) e "Attività manifatturiere" (0%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS