Navigation

Salone auto Ginevra, cantone corre in aiuto, prestito di 17 milioni

Il salone è anche un motore economico per Ginevra. KEYSTONE/LAURENT GILLIERON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 maggio 2020 - 08:36
(Keystone-ATS)

Lo stato ginevrino corre in aiuto del Salone dell'automobile, la cui edizione 2020 è stata annullata a causa dell'epidemia di coronavirus: il governo cantonale propone di accordare agli organizzatori un prestito di quasi 17 milioni di franchi.

La cancellazione del Geneva International Motor Show (GIMS), che avrebbe dovuto tenersi fra il 5 e il 15 marzo, ha comportato per la fondazione che lo gestisce una perdita di 11 milioni di franchi, spiega il consiglio di stato in un comunicato diffuso ieri sera. A questi vanno poi aggiunti 6 milioni per sviluppare una nuova concezione dell'evento in vista dell'edizione 2021.

Visto che la fondazione ha esaurito le riserve, l'esecutivo cantonale vuole erogare un credito legato a determinate condizioni e da rimborsare con gli interessi, su un lasso di tempo da stabilire in funzione della situazione finanziaria.

L'anno scorso il salone aveva accolto 600'000 visitatori. Per il canton Ginevra l'evento ha un'importanza economica che il consiglio di stato stima a 200 milioni di franchi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.