Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Non si placano le acque presso Salt (ex Orange): dopo la partenza dell'ex CEO Johan Andsjö a dicembre, ora la compagnia telefonica avrebbe proceduto al licenziamento di decine di dipendenti. Lo ha indicato all'ats una fonte interna.

Immediatamente contattata, Salt ha rifiutato di fornire informazioni. In merito a questa notizia "non possiamo esprimerci", ha detto una portavoce.

Già in ottobre era venuto alla luce il fatto che l'operatore era intenzionato a sopprimere 67 posti di lavoro nel settore del back office. In quest'occasione le persone che si erano volontariamente offerte di lasciare l'azienda avevano ricevuto una liquidazione.

Nel frattempo, secondo la fonte che ha chiesto di restare anonima, Salt ha proseguito nella sua campagna di tagli: complessivamente (compresi quindi i 67 licenziamenti dello scorso autunno) sarebbero oltre 100 le persone rimaste senza lavoro.

Ad ottobre Salt impiegava ancora circa 900 persone, 300 delle quali nel settore back office.

A fine febbraio 2015 l'allora operatore Orange era stato ceduto dalla la società di investimenti britannica Apax alla NJJ Capital, una holding appartenente all'uomo d'affari francese Xavier Niel. Da allora la situazione interna all'azienda - che nel frattempo ha mutato il nome in Salt - sembra essersi guastata.

In estate quattro dirigenti (responsabili rispettivamente delle finanze, della clientela, della strategia commerciale e della tecnica) avevano annunciato le dimissioni.

A novembre era stata la responsabile del personale Amelia Raess a lasciare l'azienda, seguita, a dicembre, dal CEO Johan Andsjö, sostituito da Andreas Schönenberger, ex direttore di Google Svizzera. L'ultima partenza eccellente è di qualche settimana fa, quando a gettare la spugna è stata la responsabile della comunicazione Therese Wenger.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS