Navigation

Salute: studio Usa; forti stress rimpiccioliscono cervello

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 gennaio 2012 - 20:16
(Keystone-ATS)

Eventi stressanti intensi quali un divorzio o la perdita del lavoro, ma anche tensioni croniche profonde e veri e proprio traumi sarebbero in grado da far scattare nelle vittime un tangibile rimpicciolimento del cervello.

La diminuzione avviene nella materia grigia nell'area cerebrale che controlla le emozioni,e regola quindi anche la pressione sanguigna e persino il livello di zuccheri: la corteccia prefrontale.

A illustrare il meccanismo di 'restringimento cerebrale' a causa forti emozioni negative in persone peraltro sane mentalmente e fisicamente, è un nuovo studio Usa pubblicato sulla rivista 'Biological Psychiatry'.

La ricercata firmata dalla neurobiologa del'università di Yale Rajita Sinha, ha esaminato 103 volontari tra i 18 e i 48 anni: tutti in buona salute i partecipanti hanno risposto a questionari sugli eventi gravemente stressanti occorsi durante la loro esistenza e si sono sottoposti a risonanza magnetica del cervello.

Il rapporto rivela risultati chiari: la materia grigia è risultata rimpicciolita nell'area della corteccia prefrontale di chi aveva subito traumi in particolare tra le vittime di abusi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?