Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"La verità è che la Grecia è arrivata molto vicina a uscire dall'euro": un'ipotesi che comporterebbe la "morte" per il paese e che rappresenta "la minaccia che dobbiamo evitare". Lo ha detto il premier greco Antonis Samaras parlando - secondo quanto riferisce Bloomberg - a margine della Fiera Internazionale diSalonicco. "Dobbiamo evitare questa minaccia immediata: recuperare credibilità e mantenere il paese nell'euro", ha detto spiegando che è per questo "che stiamo combattendo".

Se "uscissimo dall'euro - ha aggiunto il premier greco - le pensioni non sarebbero tagliate, semplicemente non esisterebbero più. Non vi sarebbero fondi per la sanità e il prezzo del petrolio schizzerebbe, rendendo necessario un razionamento".

La decisione della Banca centrale europea dell'altro ieri "dimostra che la soluzione per un moderno e credibile paese, per ogni paese europeo, è l'euro", ha proseguito Samaras. E la "nostra lotta, quello per cui combattiamo ora, è rimanere nella moneta unica", ha ribadito il premier greco ricordando che il pacchetto di austerità ed i tagli di spesa per 11,5 miliardi di euro in due anni, contengono "dolorose e ingiuste" misure che sono però "necessarie per rimanere nella moneta unica".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS