Navigation

San Suu Kyi all'Aja, accusa di genocidio è 'errata'

La leader birmana Aung San Suu Kyi alla Corte penale internazionale dell'Onu all'Aja KEYSTONE/EPA ANP/KOEN VAN WEEL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 dicembre 2019 - 10:42
(Keystone-ATS)

La leader birmana Aung San Suu Kyi ha sostenuto oggi davanti alla Corte penale internazionale dell'Onu all'Aja che l'accusa di 'genocidio' nei confronti della minoranza musulmana dei Rohingya è "incompleta ed errata".

Lo riportano i media internazionali. L'Onu ha apertamente accusato la Birmania di pulizia etnica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.