Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BOGOTÀ - "Ai gruppi armati illegittimi che accampano ragioni politiche e tornano un'altra volta a parlare di negoziati, voglio dire che la porta del dialogo non è chiusa a chiave". Lo ha assicurato oggi il neopresidente colombiano Juan Manuel Santos nel suo primo discorso pronunciato dopo aver assunto il potere.
Sempre riferendosi ai guerriglieri delle Farc e dell'Eln, Santos ha comunque avvertito che, prima di accedere a nuovi negoziati di pace, devono liberare tutti gli ostaggi nelle loro mani e a rinunciare al narcotraffico.
Quanto al contenzioso con il Venezuela, il cui presidente Hugo Chavez ha deciso la rottura dei rapporti diplomatici con la Colombia dopo le accuse dell'ex presidente colombiano Alvaro Uribe, secondo il quale consentirebbe la presenza di 1.500 guerriglieri delle Farc nel suo territorio, il neocapo di Stato ha assicurato di essere disposto "a ristabilire la fiducia" tra i due Paesi e di volerlo fare "con un dialogo franco e diretto e al più presto possibile".
Intanto, poche ore prima di lasciare il potere al suo successore Juan Manuel Santos, il presidente colombiano uscente Alvaro Uribe ha presentato alla Corte penale internazionale dell'Aja e alla Commissione interamericana per i diritti umani una denuncia contro il capo dello Stato venezuelano Hugo Chavez per il suo presunto appoggio ai guerriglieri delle Farc.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS