Navigation

sarkozy attacca Reding, i rom accoglili nel tuo paese

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 settembre 2010 - 15:52
(Keystone-ATS)

PARIGI - Il presidente francese Nicolas Sarkozy suggerisce al commissario Ue Viviane Reding di accogliere i Rom nel suo Paese, il Lussemburgo. Il suggerimento di Sarkozy alla Reding, che a Bruxelles è responsabile della Giustizia, nonchè vicepresidente dell'esecutivo Ue, è stata riportata da un gruppo di senatori che oggi hanno partecipato a una colazione di lavoro con il presidente francese all'Eliseo.
Ieri, la commissaria lussemburghese ha usato parole molto dure nei confronti della Francia, minacciando una procedura di infrazione, in seguito alle misure adottate nei confronti dei rom.
Intanto il presidente della Commissione europea ha espresso oggi il suo "pieno sostegno personale" a Reding, per la posizione assunta nei confronti della Francia in seguito alle misure adottate nei confronti dei Rom.
Allo stesso tempo Barroso, parlando a margine di un incontro con il presidente austriaco Heinz Fischer, ha precisato che Reding non ha voluto fare un collegamento diretto tra le misure prese da Parigi e le deportazioni avvenute durante la Seconda guerra mondiale. Alcune delle espressioni utilizzate da Reding, ha precisato Barroso, possono aver dato luogo a qualche "fraintendimento".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?