Navigation

Scambio automatico Turchia: commissione sospende esame

A causa dell'intervento militare in Siria, la Commissione dell'economia e dei tributi degli Stati ha sospeso l'esame sullo scambio automatico di informazioni con la Turchia. KEYSTONE/EPA TURKISH DEFENCE MINISTRY/TURKISH DEFENCE MINISTRY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 ottobre 2019 - 16:33
(Keystone-ATS)

La Commissione dell'economia e dei tributi degli Stati ha sospeso l'esame sullo scambio automatico di informazioni con la Turchia, poiché ritiene problematico attivare un simile automatismo con uno Stato che viola in maniera grave il diritto internazionale.

La commissione stava trattando lo scambio automatico di informazioni relative a conti finanziari con 19 Paesi diversi, viene spiegato in un comunicato odierno dei Servizi del Parlamento. Se alcuni suscitano preoccupazione per la questione della sicurezza dei dati, è in particolare la Turchia ad aver allarmato la maggioranza.

Tenendo conto della presa di posizione del Consiglio federale, che ha condannato con fermezza il recente intervento militare dei turchi in Siria, in entrata in materia la commissione ha sospeso l'esame, in modo da poter affrontare in futuro la questione dal punto di vista politico in presenza di Ueli Maurer, in veste di ministro delle finanze.

Per quel che riguarda gli altri 18 Stati (fra i quali Albania, Kazakistan, Libano, Oman e Perù) lo scambi automatico di informazioni è stato approvato con 9 voti contro 2 e 1 astensione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.