Navigation

Schindler: in Svizzera saranno cancellati 200 impieghi

Il marchio Schindler è presente in tutto il mondo. KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 luglio 2020 - 14:00
(Keystone-ATS)

Il previsto taglio dell'organico presso Schindler interesserà anche la Svizzera: andrà perso circa il 10% dei 2000 posti che saranno cancellati a livello mondiale, vale a dire quindi grosso modo 200. Lo ha indicato all'agenzia Awp il Ceo Thomas Oetterli.

Il colosso lucernese degli ascensori e delle scale mobili punta a ridurre i costi nei prossimi due anni: la contrazione dell'organico concernerà soprattutto le attività amministrative e interesserà quindi anche le unità centrali del gruppo, ha spiegato Oetterli.

Per l'azienda si tratta di rafforzare la sua competitività e di adattarsi alle mutate condizioni del mercato. La crisi del Covid-19 non fa che accentuare la concorrenza e in Svizzera la situazione è resa ancora più complicata dalla forza del franco.

La decisione di adottare queste misure non è stata presa in preda al panico, ma perché l'impresa ragiona sul lungo termine, ha sottolineato il manager. "Noi pensiamo in anni e non in trimestri. Se si guarda il nostro bilancio si vede che Schindler è un'azienda solida e con una liquidità molto elevata. Vogliamo crescere più velocemente del mercato e continuare a realizzare i nostri progetti strategici", ha concluso Oetterli.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.